Rassegna Stampa Geometra Ligure Guida del Praticante FAQ Links utili
Altro

Autorità per l'energia elettrica e il gas - delibera 20 settembre 2005

L'AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS
Nella riunione del 20 settembre 2005;
Visti:
la legge 6 dicembre 1971, n. 1083;
la legge 5 marzo 1990, n. 46 (di seguito: legge n. 46/1990);
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
la legge 23 agosto 2004, n. 239;
il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164;
la deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas
(di seguito: l'Autorita) 18 marzo 2004, n. 40/2004 e successive
modifiche ed integrazioni (di seguito: deliberazione n. 40/2004);
la deliberazione dell'Autorita' 29 settembre 2004, n. 168/2004 e
successive modifiche e integrazioni;
Considerato che:
con la deliberazione n. 40/2004 l'Autorita' ha emanato il
regolamento delle attivita' di accertamento della sicurezza degli
impianti di utenza a gas (di seguito: regolamento);
al fine di garantire un graduale impatto degli effetti derivanti
dall'adozione del regolamento, la deliberazione n. 40/2004 ne ha
previsto l'attuazione fissando:
l'avvio degli accertamenti:
a) per gli impianti di utenza nuovi, a partire dal 1° ottobre
2004, con possibilita' di differimento al 1° luglio 2005;
b) per gli impianti modificati e riattivati, dal 1° ottobre
2005;
c) per gli impianti in servizio, dal 1° ottobre 2006;
il differimento di un anno dei termini di cui al precedente
alinea per distributori che, alla data del 31 dicembre 2003,
servivano un numero di clienti finali minore o uguale a 5.000;
sono pervenute all'Autorita' numerose segnalazioni da parte di
clienti finali in attesa di ottenere l'attivazione della fornitura di
gas che hanno evidenziato tra l'altro:
i tempi eccessivamente lunghi per ricevere dai venditori di gas
i moduli e le istruzioni per la loro compilazione ai fini della
documentazione da sottoporre ad accertamento ai sensi del
regolamento.
l'opportunita' di prevedere altri mezzi, oltre alla spedizione
postale, per l'invio da parte del venditore di gas della
documentazione di cui al precedente alinea;
la mancanza di indicazioni chiare ed esaustive che evidenzino
le motivazioni della incompletezza e le non conformita' riscontrate
alle norme tecniche vigenti;
la difficolta' di stabilire un contatto diretto tra
1'installatore e 1'accertatore al fine di pervenire rapidamente alla
soluzione degli eventuali problemi incontrati nell'attivita' di
accertamento;
sono pervenute segnalazioni da parte delle associazioni di
categoria Anigas e FederUtility (prot. n. 17594 del 9 agosto 2005),
Assogasliquidi (prot. n. 20260 del 14 settembre 2005),
Confartigianato (prot. n. 17585 del 9 agosto 2005 e prot. n. 19884
del 9 settembre 2005), Associazione Artigiani di Brescia (prot. n.
17225 del 4 agosto 2005) e di Italgas (prot. n. 17073 del 4 agosto
2005) che hanno evidenziato tra l'altro l'esigenza di:
prevedere con urgenza norme transitorie che, senza escludere la
successiva attivita' di accertamento ai sensi del regolamento,
consentano di attivare la fornitura di gas per le richieste di
attivazioni alle quali non si e' ancora dato seguito a causa
dell'incompletezza, in numerosi casi, della documentazione
predisposta dagli installatori ed inviata dai clienti finali ai
distributori;
introdurre nel regolamento disposizioni relative agli
installatori che subiscano un accertamento negativo o che non pongano
la necessaria diligenza nella compilazione della documentazione di
legge provocando in tal modo disagi ai clienti finali in fase di
attivazione della fornitura di gas;
indagare sulla corretta attuazione della deliberazione n.
40/2004 da parte di distributori e venditori di gas al fine di
evitare che alcuni di tali soggetti:
a) adottino comportamenti difformi dal regolamento e dalla
legislazione vigente in tema di sicurezza con conseguenti difficolta'
per gli installatori e disagi per i clienti finali in fase di
attivazione della fornitura;
b) attribuiscano esito negativo alla documentazione inviata
dal cliente finale, in caso di sua incompletezza, senza attenderne il
completamento, provocando in tal modo una indebita duplicazione dei
costi di accertamento per il cliente finale stesso;
differire:
a) almeno di dodici mesi l'avvio degli accertamenti sugli
impianti di utenza modificati e riattivati, motivando tale richiesta
con la necessita' di non aggiungere le criticita' di tale avvio alle
difficolta' derivanti dall'attuazione degli accertamenti sugli
impianti di utenza nuovi ed evitando, se possibile, la coincidenza
dell'avvio di tali accertamenti con l'inizio della stagione
invernale;
b) almeno al 1° ottobre 2007 l'avvio degli accertamenti sugli
impianti di utenza in servizio, motivando tale richiesta con la
necessita' di approfondire le disposizioni del Titolo IV del
regolamento ai fini di una loro eventuale semplificazione;
c) di un ulteriore anno la decorrenza degli adempimenti
previsti per i distributori che al 31 dicembre 2003 servivano un
numero di clienti finali minore o uguale a 5.000, al fine di
consentire una adeguata preparazione per tutti i soggetti
interessati;
le associazioni di categoria dei distributori e dei venditori di
gas nonche' degli installatori, nelle riunioni convocate
dall'Autorita' in data 14 settembre 2005 una verifica dello stato di
attuazione della deliberazione n. 40/2004, hanno richiesto
l'istituzione da parte dell'Autorita' stessa di un gruppo di lavoro,
che le coinvolga, finalizzato ad una eventuale semplificazione del
regolamento anche a partire dal monitoraggio dei primi mesi della sua
attuazione;
il Comitato Italiano Gas (di seguito: Cig) ha provveduto a
definire linee guida per la corretta e completa compilazione delle
dichiarazioni previste dalla legislazione vigente in materia di
sicurezza ai fini dell'attuazione del regolamento e sta svolgendo il
ruolo di referente per ogni controversia tecnica;
Ritenuto che:
sia necessario individuare con urgenza disposizioni transitorie
che consentano una tempestiva attivazione della fornitura di gas ai
clienti finali al fine di evitare disagi anche in previsione
dell'imminente inizio della stagione invernale;
tali disposizioni transitorie:
debbano consentire l'attivazione della fornitura di gas ad un
impianto di utenza nuovo a condizione che siano pervenuti al
distributore almeno:
a) l'allegato A o C, compilato e firmato dal cliente finale;
b) l'allegato B, corredato dalla copia del certificato di
riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali dell'installatore,
o D, compilato e firmato dall'installatore che ha realizzato
l'impianto di utenza;
non debbano escludere, entro tempi certi, la successiva
attivita' di accertamento della documentazione inviata dal cliente
finale, una volta che essa sia stata completata;
sia opportuno introdurre altresi' integrazioni al regolamento che
favoriscano il superamento delle criticita' segnalate sia dai clienti
finali sia dalle associazioni di categoria dei distributori e dei
venditori di gas nonche' degli installatori a seguito dell'attuazione
del regolamento medesimo;
sia opportuno prevedere l'istituzione da parte dell'Autorita' di
un gruppo di lavoro, finalizzato all'individuazione di eventuali
semplificazioni del regolamento, che coinvolga le associazioni di
categoria dei distributori e dei venditori di gas nonche' dalle
associazioni di categoria degli installatori e che a tale gruppo di
lavoro debbano partecipare anche il Consiglio nazionale dei
consumatori e degli utenti e il Cig;
sia necessario avviare un'istruttoria conoscitiva sui
comportamenti adottati dai distributori e dai venditori di gas per
dare attuazione alla deliberazione n. 40/2004;
Delibera:
1. Di approvare le seguenti modifiche ed integrazioni alla
deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas
18 marzo 2004, n. 40/2004:
a) all'art. 11 e' aggiunto il seguente comma: «11.7 Il
distributore comunica per iscritto alla competente Camera di
commercio, industria e artigianato, indicando altresi' gli estremi
dell'installatore interessato, i casi di accertamento negativo o di
mancato invio della documentazione nei tempi previsti dal
regolamento.»;
b) all'art. 13, comma 1, lettera b, le parole «sottoscrizione del
contratto» sono sostituite dalle parole «richiesta di attivazione»;
c) all'art. 13, comma 1, dopo la lettera c e' aggiunta la
seguente lettera d;
«d) il venditore fornisce la documentazione di cui alla
precedente lettera b, in alternativa ed a scelta del richiedente
l'attivazione della fornitura:
(i) tramite sportello, se esistente;
(ii) tramite invio al richiedente, entro due giorni lavorativi
dalla data di ricevimento della richiesta di attivazione della
fornitura, mediante fax, posta elettronica o posta prioritaria;»;
d) il comma 16.6 e' sostituito dal seguente: «16.6 Il
distributore, qualora, trascorsi quaranta giorni solari dalla data di
attivazione della fornitura, non gli sia pervenuta la documentazione
di cui al precedente comma, invia una comunicazione scritta al
venditore in cui:
a) indica la documentazione che non e' ancora pervenuta;
b) precisa che, in caso non gli pervenga la documentazione
indicata alla precedente lettera entro trenta giorni solari
dall'invio della comunicazione, la fornitura verra' sospesa;
c) indica l'ammontare dell'addebito dell'importo di cui al
comma 8.7 per l'eventuale intervento di sospensione della fornitura
di gas;
d) precisa che la riattivazione della fornitura avverra' entro
cinque giorni lavorativi dalla data di ricevimento della
documentazione richiesta e non consegnata.»;
e) all'art. 18, dopo il comma 18.1, sono aggiunti i seguenti
commi: «18.2 Successivamente al 30 giugno 2005 e comunque non oltre
il 30 settembre 2006 il distributore, con riferimento alle richieste
di attivazione della fornitura di gas a lui pervenute in data
successiva al 30 settembre 2004, in modo non discriminatorio nei
confronti dei venditori, puo' attivare la fornitura di gas ad un
impianto di utenza a cui si applica il Titolo II a condizione che gli
siano pervenuti almeno:
a) l'allegato A o C, compilato e firmato dal cliente finale;
b) l'allegato B, corredato almeno da una copia del
certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali
dell'installatore, o D, compilato e firmato dall'installatore che ha
realizzato l'impianto di utenza.
18.3 Nel caso di applicazione da parte del distributore delle
disposizioni transitorie di cui al comma precedente:
a) il cliente finale e' comunque tenuto a fare pervenire al
distributore stesso entro i centottanta giorni solari successivi alla
data di attivazione della fornitura:
(i) nel caso in cui l'impianto di utenza ricada nel campo di
applicazione della legge n. 46/1990, copia della dichiarazione di
conformita' completa di tutti gli allegati obbligatori per legge;
(ii) nel caso in cui l'impianto di utenza non ricada
nell'ambito di applicazione della legge n. 46/1990, una dichiarazione
dell'installatore in cui attesta sotto la propria responsabilita' di
aver eseguito con esito positivo tutte le prove di sicurezza e
funzionalita' dell'impianto di utenza e delle apparecchiature da esso
alimentate richieste dalle leggi e norme tecniche vigenti, corredata
di tutti gli allegati indicati nel modulo D;
b) il distributore sottopone ad accertamento la documentazione di
cui alla precedente lettera a); nel caso di esito positivo
dell'accertamento, non sospende la fornitura di gas;
c) il distributore, nel caso di esito negativo dell'accertamento
della documentazione di cui alla precedente lettera a), sospende la
fornitura di gas ed invia al cliente finale una comunicazione scritta
in cui:
(i)notifica l'esito negativo dell'accertamento;
(ii) evidenzia le motivazioni dell'esito negativo ed indica le
non conformita' alle norme tecniche vigenti riscontrate;
(iii) segnala la necessita' di presentare una nuova richiesta
di attivazione della fornitura, corredata della documentazione di cui
alla precedente lettera a), solo dopo avere provveduto
all'eliminazione delle non conformita' alla legislazione vigente;
d) il distributore sospende la fornitura di gas nel caso in cui,
trascorsi duecento giorni solari dalla data di attivazione della
fornitura, non gli sia pervenuta la documentazione di cui alla
lettera a); in tal caso il distributore invia una comunicazione
scritta al venditore in cui:
(i) indica la documentazione che non e' ancora pervenuta;
(ii) precisa che, in caso non gli pervenga la documentazione
indicata al precedente punto entro trenta giorni solari dall'invio
della comunicazione, la fornitura verra' sospesa;
(iii) indica l'ammontare dell'addebito dell'importo di cui al
comma 8.7 per l'eventuale intervento di sospensione della fornitura
di gas;
(iv) precisa che la riattivazione della fornitura avverra'
entro cinque giorni lavorativi dalla data di ricevimento della
documentazione richiesta e non consegnata;
e) il distributore, nel caso in cui gli pervenga la
documentazione di cui alla lettera a) non completa, e' tenuto ad
inviare al venditore entro quindici giorni solari dalla data di
ricevimento della documentazione comunicazione scritta nella quale
evidenzia in modo esaustivo la parte di documentazione mancante.
18.4 Successivamente al 30 giugno 2005 e fino alla pubblicazione da
parte dell'Uni della norma tecnica che definisce le modalita' di
verifica dei criteri essenziali di sicurezza ai fini della pubblica
incolumita' di cui all'art. 26 e comunque non oltre il 30 settembre
2006, qualora il cliente finale non sia in grado di fornire la
documentazione di cui al comma 16.2, il distributore puo' attivare la
fornitura di gas nel caso in cui il cliente finale faccia pervenire
al distributore stesso:
a) una richiesta di attivazione della fornitura con la quale il
cliente finale, oltre a fornire i propri riferimenti e le
informazioni necessarie per l'individuazione del punto ove attivare
la fornitura di gas:
(i) invia in allegato copia della dichiarazione di cui alla
seguente lettera b);
(ii) si impegna ad inviare al distributore entro i trenta
giorni solari successivi alla data di attivazione della fornitura,
copia di una dichiarazione di un installatore abilitato ai sensi
della legge n. 46/1990, ove richiesto, in cui quest'ultimo attesta
sotto la propria responsabilita' di aver eseguito con esito positivo
le prove di sicurezza e funzionalita' dell'impianto di utenza e delle
apparecchiature da esso alimentate richieste dalle leggi e norme
tecniche vigenti, pena la sospensione della fornitura medesima; il
distributore, qualora, trascorsi duecento giorni solari dalla data di
attivazione della fornitura, non gli sia pervenuta la documentazione
di cui sopra, attua quanto previsto al comma 16.6;
(iii) si impegna a non utilizzare l'impianto di utenza in
oggetto fino a che l'installatore, dopo aver effettuato con esito
positivo le prove di sicurezza e funzionalita', non gli abbia
rilasciato la dichiarazione di cui al precedente punto (ii),
sollevando il distributore da ogni responsabilita' per incidenti a
persone e cose derivanti dalla violazione di tale clausola;
b) copia di una dichiarazione rilasciata da un installatore
abilitato ai sensi della legge n. 46/1990 o da un tecnico avente i
requisiti tecnico-professionali di cui all'art. 3, comma 3.1, lettera
b), che attesti il rispetto dei criteri essenziali di sicurezza ai
fini della pubblica incolumita' definiti all'art. 26; su tale
documentazione il distributore non effettua l'accertamento.
18.5 Fino al 30 settembre 2006:
a) il venditore fornisce la documentazione di cui al comma 13.1,
lettera b):
(i) tramite sportello, se esistente;
(ii) in assenza di sportello, tramite invio al richiedente,
entro due giorni lavorativi dalla data di ricevimento della richiesta
di attivazione della fornitura, mediante invio postale con posta
prioritaria;
b) il termine di quaranta giorni solari previsti dal comma 16.6
e' elevato a duecento giorni solari;
c) il distributore, nel caso in cui sia impossibilitato a
sospendere la fornitura di gas in attuazione di quanto disposto dal
Titolo II, ne informa tempestivamente, mediante segnalazione scritta,
il Comune e la Asl territorialmente competenti, fornendo altresi' gli
estremi del cliente finale e dell'installatore interessati.»;
f) all'art. 28, comma 1, lettera a, le parole «l'anno termico
2006-2007» sono sostituite dalle parole «l'anno termico 2007-2008»;
g) all'art. 28, comma 1, lettera b, le parole «l'anno termico
2007-2008» sono sostituite dalle parole «l'anno termico 2008-2009»;
h) all'art. 28, comma 3, lettera a, le parole «l'anno termico
2006-2007» sono sostituite dalle parole «l'anno termico 2007-2008»;
i) all'art. 28, comma 3, lettera b, le parole «l'anno termico
2007-2008» sono sostituite dalle parole «l'anno termico 2008-2009»;
j) all'art. 33, comma 3 «dall'11 ottobre 2005» sono sostituite
dalle parole «dal 1° aprile 2007»;
k) all'art. 33, comma 4, le parole «dal 1° ottobre 2006» sono
sostituite dalle parole «dal 1° ottobre 2007».
1. All'art. 33, il comma e' sostituito dal seguente: «33.5 Per i
distributori che, alla data del 31 dicembre 2003, servivano un numero
di clienti finali minore o uguale a 5.000:
a) il Titolo II, con esclusione dell'art. 18 e fatto salvo quanto
di seguito disposto, entra in vigore dal 1° ottobre 2006; qualora,
successivamente a tale data e fino al 31 marzo 2007, il distributore
non fosse in grado di ottemperare alle disposizioni in esso
contenute, la fornitura puo' essere attivata previa acquisizione del
modulo di cui all'allegato E, compilato nella sezione pertinente e
firmato dall'installatore, fatto pervenire dal cliente finale al
distributore in sostituzione dei moduli di cui al comma 16.1;
b) i termini di cui ai precedenti commi 33.3 e 33.4 sono
differiti di un anno.
2. Di prevedere che il presente provvedimento sia pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sul sito internet
dell'Autorita' (www.autorita.energia.it), affinche' entri in vigore
dalla data della sua prima pubblicazione.
3. Di pubblicare sul sito internet dell'Autorita'
(www.autorita.energia.it) il testo della deliberazione dell'Autorita'
n. 40/2004 come risultante dalle modificazioni ed integrazioni
apportate con il presente provvedimento.
4. Di avviare un istruttoria conoscitiva sui comportamenti adottati
dai distributori e dai venditori di gas per dare attuazione alla
deliberazione n. 40/2004.
5. Di conferire mandato al Direttore della Direzione consumatori e
qualita' del servizio dell'Autorita' per procedere:
a) allo svolgimento delle attivita' conoscitive con le finalita'
di cui al precedente punto 4.;
b) alle convocazioni ed all'organizzazione degli incontri con gli
operatori ritenuti necessari, fissandone le modalita' in relazione
alle esigenze di conduzione e sviluppo dell'istruttoria conoscitiva
di cui al precedente punto 4.
6. Di istituire un gruppo di lavoro, finalizzato all'individuazione
di eventuali semplificazioni del regolamento, da avviare e
disciplinare con successivo provvedimento del Direttore generale
dell'Autorita', che coinvolga, ove possibile, il Consiglio nazionale
dei consumatori e degli utenti, il Comitato italiano gas, le
associazioni rappresentative delle imprese di distribuzione e di
vendita del gas nonche' degli installatori.
7. Di conferire mandato al Direttore della Direzione consumatori e
qualita' del servizio dell'Autorita' per attivare adeguate azioni di
informazione nei confronti dei soggetti interessati dall'attuazione
della deliberazione n. 40/2004 ed in particolare nei confronti dei
Comuni e delle Camere di commercio industria artigianato e
agricoltura.

Milano, 20 settembre 2005
Il presidente: Ortis

 

 <

> 
L
M
M
G
V
S
D
CORSI
27/05/2020 - CGGE2226
Corso - 27/05/2020 - Riforma del condominio: nomina amministratore, compiti e responsabilità
Costo: € 73.00 - Crediti: 4
27/05/2020 - CGGE2238
Corso - 27/05/2020 - Certificazione energetica edifici
Costo: € 15.00 - Crediti: 2
10/06/2020 - CGGE2227
Corso - 10/06/2020 - Riforma del condominio: novità post riforma
Costo: € 73.00 - Crediti: 4
Emergenza COVID-19

Il Geometra Ligure

YouTube

Guida del Praticante